Nutra Redox Farmaderbe

 

I radicali liberi sono molecole chimiche che si formano naturalmente nel nostro organismo, in particolare nel corso dei processi metabolici mitocondriali che impiegano l'ossigeno per la produzione di energia. Si tratta di raggruppamenti instabili di atomi, privi di un elettrone e quindi dalla carica molecolare sbilanciata, che cercano di portarsi ad una situazione di neutralità sottraendo elettroni alle molecole circostanti: il processo chimico che determina il passaggio di un elettrone da una molecola ad un'altra prende il nome di reazione di ossido-riduzione, spesso abbreviato in redox. Questo tipo di meccanismo destabilizza le molecole cui sono stati sottratti gli elettroni, creando un'instabilità a catena che a lungo andare rischia di danneggiare le strutture cellulari.
lo stress ossidativo
Se non vengono opportunamente neutralizzati, i radicali liberi si possono accumulare nell'organismo determinando una condizione definita "stress ossidativo" in grado di danneggiare:
• la permeabilità delle membrane cellulari
• le proteine strutturali
• le lipoproteine deputate al trasporto del colesterolo nel sangue
• i neuroni
• il fegato ed i processi di inattivazione delle tossine

Il perdurare in forma cronica dello stress ossidativo viene considerato come una causa dell'insorgenza di diverse patologie degenerative come:
• aterosclerosi, angina, infarto

• artrite reumatoide ed altre malattie infiammatorie croniche

• disturbi di natura autoimmune malattie degenerative neurologiche come il morbo di Parkinson o di Alzheimer
• opacizzazione del cristallino, cataratta

• steatosi e fibrosi epatiche

• neoplasie
Alla "radice" del processo di invecchiamento

II danno ossidativo può raggiungere il DNA ed è per questo considerato una delle più probabili cause dell'invecchiamento cellulare. Secondo la teoria formulata nel 1956 da Denham Harman, l'accumulo dei radicali lungo il corso degli anni svolgerebbe una potente azione ossidante dannosa per quasi tutti i costituenti dell'organismo e sarebbe responsabile delle principali manifestazioni del processo di invecchiamento: perdita di tono dei tessuti, alterazioni della trasmissione neuronale, ridotta memoria, progressiva alterazione di meccanismi alla base dei normali processi fisiologici, problemi di varia natura a carico del sistema cardiovascolare, degenerazione della vista.

Normalmente l'organismo di una persona in buone condizioni di salute che segue uno stile di vita sano ed un'alimentazione equilibrata è in grado di difendersi autonomamente dagli attacchi dei radicali liberi per mezzo di diversi meccanismi antiossidanti. Enzimi come la superossido dismutasi, la catalasi e la glutatione perossidasi sono in grado di trasformare i radicali in ossigeno ed acqua che sono poi escreti dal corpo. Altri enzimi intervengono riparando i danni provocati dallo stress ossidativo alle cellule dell'organismo ed al loro patrimonio genetico. I radicali liberi "superstiti" possono essere "inattivati" grazie ad agenti antiossidanti esogeni, cioè assunti con la dieta.

Alcune condizioni causano un significativo aumento dei radicali liberi, rendendo di fatto insufficienti i meccanismi di difesa naturalmente attuati dall'organismo:
età avanzata
squilibri metabolici
assunzione di farmaci
fumo di sigaretta
abuso di alcol
campi elettromagnetici
inquinamento ambientale e smog
esposizione a raggi ultravioletti o radiazioni
intensa attività muscolare
stress psicofisico

 

Il mondo vegetale rappresenta una fonte inesauribile di molecole ad azione antiradicalica.

Le piante difendono i loro tessuti dai danni provocati dall'esposizione alle radiazioni luminose accumulando grandi quantità di sostanze antiossidanti, come:
PIGMENTI VEGETALI
VITAMINE
MICRONUTRIENTI
Seguire un'alimentazione ricca di frutta e verdura è il principale alleato
nel mantenimento del benessere e della funzionalità dell'organismo ma l'impoverimento dei terreni, la manipolazione degli alimenti ed il tempo intercorso tra la raccolta ed il consumo possono ridurre notevolmente la quantità e la
qualità delle molecole antiossidanti presenti nella dieta, rendendo necessaria  una specifica integrazione in caso di stress ossidativo prolungato.

Nutra redox il mix ideale, bilanciato e quantificabile contro l'azione dannosa dei radicali liberi recenti studi dimostrano che ogni antiossidante è specifico per pochi tipi di radicali liberi ed ha quindi un'efficacia limitata, mentre l'assunzione contemporanea di nutrienti multipli crea una sinergia di sostanze capaci di conpletarsi, proteggersi e rigenerarsi a vicenda. Per garantire la combinazione ideale, bilanciata ed efficace di ingredienti dalle proprietà antíossidanti riconosciute e quantificabili, supportate da dati scentifici certi ed affidabili, Farmaderbe ha formulato nutra redox in collaborazione con il laboratorio specializzato AmbrosiaLab dell'Università di Ferrara.
L'azione antiossidante di nutra redox è stata quantificata da un rigoroso studio scientifico attraverso il test ORAC (0xygen Radical Absorbance Capacity) e PCL (Photo-chemio-Luminescence) i metodi maggiormente accreditati a livello internazionale per la valutazione del potere antiossidante degli alimenti.
Recenti evidenze scientifiche confermate dal Dipartimento dell'agricoltura americano (United States Department of Agriculture) suggeriscono un apporto giornaliero di 5000 unità ORAC:
Nutra redox apporta 7498 unità ORAC per dose giornaliera consiliata, ideali per fornire all'organisco maggiori capacità di resistere alla degenerazione ossidativa.

Redox Blister con Resveratrolo Antiossidante Farmaderbe